fipavpiusportandvolley
Open login
Serie A: Imoco, fine della corsa
Scritto da Roberto P.    Martedì 02 Maggio 2017 05:26    PDF Stampa E-mail
Serie A femminile
imoco fine della corsa
Termina la stagione dell'Imoco Volley. E non solo. Soprattutto finisce anticipatamente almeno per le aspettative della società, anche se i vertici si affrettano a bollare la stagione come "...positiva visti i due titoli raccolti. Certo ci dispiace uscire in questo modo dalla lotta scudetto, ma lo sport è così. Grazie a tutti, in particolare al pubblico del Palaverde, ancora una volta strepitoso come sempre".
La sensazione è che in molti sia tifosi che non, avessero fatto ben più che un pensiero al "Grande Slam". L'Imoco aveva vinto abbastanza nettamente i due trofei si qui disputati (Supercoppa e Coppa Italia) e nulla faceva presagire uno stop anzitempo per le mire al secondo tricolore (almeno). In mezzo per volere della CEV e della Federazione Internazionale c'era pure la Champions League da giocarsi in casa. Le Pantere hanno svolto a metà il compito, andando in finale battendo Mosca ma poi non riuscendo a ripetersi nella sfida al Vakifbank di Guidetti. Prima la corsa al secondo titolo nazionale aveva subito un rallentamento, costringendo le ragazze di Mazzanti agli straordinari per far fuori il Bisonte Firenze. Segnali, presagi, brutte sensazioni? Chi lo potrà mai sapere. Mazzanti nell'ultima conferenza stampa post Modena ha detto "...non dirò mai che abbiamo perso perché ci mancavano delle atlete. Abbiamo perso perché non abbiamo giocato al massimo di come sappiamo, come non ha dato il massimo il sottoscritto". Giusto, giustissimo lodevole da parte sua, ma allora? Se non hai dato il massimo perché non lo hai dato? Se gli infortuni fanno parte del gioco (o lo fanno) allora non si capisce un tracollo verticale, sia in termini tecnici che di condizione. Il calendario può aver influito certo. Poi tempi lunghi tra una gara e l'altra e poi in 6 giorni 4 partite. Allora si capisce perché le prestazioni siano molto altalenanti. In Gara2 Modena ha esattamente fatto come in Gara1. Ha subito (e nettamente, ndr) il gioco di Conegliano andando sotto 2-0. Ma poi, piano piano è cresciuta, complice un calo evidente in entrambe le gare delle gialloblu, e riuscendo a superarle al quinto set.
Rimane comunque questo spettro, questa sensazione del bicchiere mezzo vuoto più che mezzo pieno perché l'occasione era davvero ghiotta.
Temina il campionato, come la Champions. E la stagione si chiude anche per la marcia indietro della FIVB che assegna la wild card (a pagamento) per il Mondiale per Club da disputare in Giappone. Inizialmente dopo la conquista del secondo posto sembrava che l'Imoco Volley fosse stata ammessa, ma lo sponsor principale dell'evento ha deciso di assegnare l'invito alla squadra russa (dietro congruo incentivo monetario).
Meglio così, con una squadra (probabilmente) quasi totalmente da rifare meglio destinare i denari a qualcosa di più produttivo. A partire dalla ricerca del nuovo allenatore, visto che Mazzanti è già stato nominato CT della Nazionale Seniores Femminile. Poi, riguardo alle atlete, ci sono molte voci. Poche, pochissime conferme. Si parla di Bricio e Folie, il resto è tutto fumoso e suscettibile di cambiamenti. Per la panchina si vocifera la "promozione" di Santarelli. Scelta giusta? Solo il tempo e la nuova stagione potranno dirlo, per ora da qui ad ottobre sono solo chiacchiere da Bar Sport.
 

Zona stampa

Potete inviarci i vostri comunicati a questo indirizzo.

Newsletter

Newsletter Zona Volley


Ricevi HTML?